STORIA


Il Circolo Nuoto UISP viene fondato a Bologna nel 1972 (anno in cui avviene anche la affiliazione alla Federazione Italiana Nuoto). A presiederlo è Gino Santi. Tra gli allenatori che affiancano il primo direttore tecnico Alberto Piazzoli, figura anche l’attuale presidente della società Mauro Riccucci, in carica dal 1980. Nel 1995 il cienne (abbreviativo con cui quasi subito viene comunemente appellata la società), è insignito della Stella di Bronzo CONI e nel 2010 ottiene quella d’argento, assegnate alla società per i risultati conseguiti dai propri atleti e per il prestigio nazionale ed internazionale ottenuti nella sia pur ancora breve storia del sodalizio felsineo. (Come bene testimoniano le annuali classifiche nazionali federali che da sempre lo vedono figurare ai primissimi posti).

Il Circolo Nuoto UISP, inizialmente affiliato alla FIN per il solo settore del nuoto, nel corso degli anni apre le porte anche alla pallanuoto (settore nel quale è salito dalla serie D sino alla A1, senza mai retrocedere) ed al nuoto sincronizzato.

Nel 1980, con la affiliazione alla FIPSAS, si aggiunge il nuoto pinnato. Infine, poco tempo dopo, è la volta dei master.

Il Circolo Nuoto, in cui confluiscono i migliori talenti cresciuti nelle varie società affiliate, rappresenta l’èlite tecnica del nuoto UISP bolognese (e non solo).

Mentre attorno alla fine degli anni ’80 brillava la stella di Lorenza Vigarani, attualmente gli atleti più rappresentativi per il settore nuoto sono Marco Orsi, velocista principe e detentore di quasi tutti i record in ambito nazionale nonché plurimedagliato anche a livello internazionale e Martina Grimaldi, senza alcun dubbio la più grande atleta che la disciplina del fondo abbia sin qui espresso. Più volte campionessa mondiale ed europea, con la conquista del bronzo olimpico nella 10 km. di Londra 2012 (in cui peraltro è stata l’unica atleta di tutto il nostro nuoto ad ottenere una medaglia), Martina è stata anche la prima nuotatrice italiana a salire su un podio olimpico in questa specialità e, nel contempo, la prima della nostra regione a farlo nell’ambito delle discipline natatorie complessivamente intese. Una sottolineatura particolare merita senz’altro anche Sara Sgarzi, componente stabile (ed indispensabile) della squadra nazionale di nuoto sincronizzato.

Il nuoto pinnato, pur non facendo parte del programma olimpico, dopo il titolo mondiale conquistato da Monica Crovetti e le eccellenti prestazioni di Rubes Levada risalenti all’epoca in cui il settore muoveva i primi passi all’interno del cienne, continua a riservare grandi soddisfazioni ai colori giallo-blu; soprattutto grazie alle medaglie internazionali che costantemente riescono ad ottenere campioni quali sono Davide De Ceglie, Sivia Baroncini ed Alex Battista.